000 web     001 web           002 web        003 web            004 web            005 web            006 web            007 web            008 web            009 web            010 web            011 web            012 web            013 web            014 web            015 web            016 web            017 web            018 01 web            019 web
Sonda per la rilevazione dello spostamento della frattura perimetrale sul Monte Toc. I rilevamenti iniziarono successivamente alla prima frana del 4 novembre 1960.
Drill for the survey of the perimetral split on Mount Toc. The survey started after the first landslide of 4 november 1960.

Concrete Cluster

The project is a set of images, it is an observatory that want to describe a place in Italy hit by a disaster caused by the human hands. On 9 October 1963 a massive landslide of Mount Toc (270 millions cubic meters of rocks) in Veneto county, fall down into the Vajont Dam, the tallest in the world, generating three megatsunami, one of these overtopped the dam by 250 metres destroying the whole village of Longarone giving death to 1917 inhabitant. The images displayed create a non sequitur which release the story from its time connections with the past, reconnecting it directly with its effects in the future. The morphology of landscape has radically changed: new mountains were born, spaces turned from empty to filled ones. The aim of the project is to collect a number of images able to create a map describing a new place, never existed before.

Il progetto è un insieme di immagini, un osservatorio che ha la volontà di descrivere una zona d’Italia colpita da una catastrofe il 9 ottobre 1963. Sulle Dolomiti, una sezione del Monte Toc, pari a 270 milioni di metri cubi di roccia, cade dentro la Diga del Vajont provocando tre onde gigantesche che spazzano via interi villaggi modificando per sempre il paesaggio. Le immagini presentate creano un non sequitur che slega completamente la narrazione non tenendo più conto del passato ma di ciò che il futuro ha donato. La morfologia del paesaggio è radicalmente cambiata, sono nate nuove montagne, alcuni vuoti sono diventati pieni e nei bar dei paesi si parla ancora della diga, dei giorni liberi e di pronostici sulla partita Real Madrid – Glasgow che nessuno ha mai finito di vedere. La volontà è quella di creare un accumulo di immagini capaci di comporre una mappa che descriva un luogo nuovo, mai esistito.

___

Collaboration
Calamita\à project